Cantar Maggio – Il Suono di Forlimpopoli #2”

Il 22 Maggio 2020 la Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli , alle ore 21:00, pubblicherà in diretta sulle proprie piattaforme social un nuovo video video realizzato da ventuno dei propri insegnanti. Titolo del video sarà “Cantar Maggio – Il Suono di Forlimpopoli #2” e segue, a venti giorni di distanza, la pubblicazione di “5’41” Bella Ciao -Il Suono di Forlimpopoliche, in pochi giorni, ha sfiorato le 7000 visualizzazioni sulla rete.

Al termine del video avrà luogo una diretta che coinvolgerà gli ideatori ed i realizzatori del video che narreranno delle modalità della sua realizzazione.

Il Cantar Maggio è un canto facente riferimento al Calendimaggio, una tradizione antichissima dalla funzione magico propiziatoria ancora viva ed ancor oggi diffusa fra le comunità agricole di molte regioni d’Italia come allegoria del ritorno alla vita e della rinascita: fra queste il Piemonte, la Liguria, la Lombardia, l’Emilia-Romagna (ad esempio si celebra nella zona delle Quattro Province, ovvero Piacenza, Pavia, Alessandria e Genova), la Toscana (Montagna pistoiese), l’Umbria, le Marche, l’Abruzzo e il Molise così come in alcune località del fronte Bolognese dell’Appennino Tosco Emiliano.

“La funzione magico-propiziatoria di questo rito è spesso svolta durante una questua durante la quale, in cambio di doni (tradizionalmente uova, vino, cibo o dolci), i maggianti (o maggerini) cantano strofe benauguranti agli abitanti delle case che visitano. Simbolo della rinascita primaverile sono gli alberi (ontano, maggiociondolo) che accompagnano i maggerini e i fiori (viole, rose), citati nelle strofe dei canti, e con i quali i partecipanti si ornano”*

“Si tratta di una celebrazione che risale a popoli dell’antichità molto integrati con i ritmi della natura, quali celti (festeggiavano Beltane), etruschi e liguri, presso i quali l’arrivo della bella stagione rivestiva una grande importanza.”*

Si tratta di un brano festoso e beneaugurante con cui gli Insegnanti e la Scuola di Musica Popolare tutta vogliono affrontare il futuro prossimo e remoto che, per il momento, si propone ancora incerto soprattutto per il mondo della musica e dello spettacolo

Questo video aderisce al progetto di “ApARTe°: materiali irregolari di cultura libertaria” http://www.aparterivista.it/ ed è solidale con tutti quei lavoratori (attori, cantanti, ballerini, ecc. ma anche tecnici e personale ausiliario) che per svolgere il proprio lavoro hanno bisogno di un pubblico, cosa che attualmente non è possibile.

Con il Patrocinio del Comune di Forlimpopoli

Immagini addizionali: Estratti video da “Forlimpopoli: Il bello e il buono della Romagna” – Regia di Andrea Maffucci Illustrazioni di Stefano Gardini – Comune di Forlimpopoli © 2013

Arrangiamento ispirato dalla versione di Maurizio Geri, Riccardo Tesi interpretata da Piero Pelù con la partecipazione di Daniele Sepe. “Sopra i tetti di Firenze” Materiali Sonori – 2010

 Da un testo tradizionale raccolto da Caterina Bueno

*Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Calendimaggio

Marco Bartolini

Info e contatti:

marcobartolini65@gmail.com

389 1005150

Pagina web: www.musicapopolare.net

Pagina FB: https://www.facebook.com/scuoladimusicapopolare/

Il Suono di Forlimpopoli

Oggi alle 15 la Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli pubblicherà in diretta un video realizzato da diciannove dei propri insegnanti. Titolo del video sarà “5’41” Il Suono di Forlimpopoli” e sarà una versione molto “popolare” di Bella Ciao.
Al termine del video avrà luogo una diretta che coinvolgerà gli ideatori ed i realizzatori del video che narreranno delle modalità della sua realizzazione.

Ma perché una “Bella Ciao” il Primo Maggio e non il 25 Aprile?

Perché in questo momento in cui tante categorie hanno problemi di reddito derivati dalla crisi del Covid-19, i primi ad aver smesso di lavorare e gli ultimi che riprenderanno saranno proprio i musicisti ed i lavoratori dello spettacolo.
Fra le tante categorie in difficoltà i lavoratori dello spettacolo pagano e pagheranno il prezzo più alto.
L’uscita del primo Maggio, festa dei Lavoratori, è un omaggio a loro ed al loro mondo, lavoratori fra i lavoratori, che, in tempi normali, lavorano quando gli altri fanno festa ed oggi non possono né lavorare né guadagnarsi da vivere, né nei giorni di festa, né in quelli feriali e non lo potranno fare per ancora molto tempo.
È un invito a resistere, un messaggio di solidarietà, un grido di aiuto nella speranza che vengano, per loro come per tutti, presto, tempi migliori.

Il virus passerà, la Musica resta!

A Giovanni

Abbiamo visto in questa giornata di sole una nuvola triste, messaggera della tua silenziosa partenza da questa vita.
Stringiamo in un abbraccio i tuoi familiari e anche te che rimarrai sempre nei nostri cuori.

Premio letterario “Città di Forlì”

Si cercano racconti e poesie per il Premio letterario “Città di Forlì”

Tre sezioni distinte per chi è interessato a partecipare, oltre ai premi dedicati a scuole e under 14. C’è tempo per spedire le proprie opere fino al 15 giugno“

Il centro culturale “L’Ortica” di Forlì bandisce la 17esima edizione del Premio Letterario Nazionale “Città di Forlì”, che si articola in tre sezioni: Premio Sandra Mazzini per la poesia inedita (inviare 3 poesie inedite); Premio Irene Ugolini Zoli per la prefazione a un libro di poesie (edito non anteriormente al 2014); e Premio In Magazine per un racconto inedito di massimo 9000 battute.“

Leggi tutto…

SMP Live

In questo periodo di chiusura di tutto, o quasi, la musica, in generale, e le Scuole di musica, in particolare, soffrono, e tanto, di una sospensione che non vede fine.

Il web così, oltre a diventare valvola di sfogo, si rivela anche luogo di opportunità, l’opportunità di rimanere in contatto ma anche e soprattutto, di raggiungere un pubblico nuovo.

È per questo che anche la Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, nata nel 1986 e da allora specializzata nella didattica di strumenti e repertori della tradizione popolare, ha scelto di promuoversi proprio sul web con una diretta Facebook in cui, ogni sera, alle 20:30, sulla pagina ufficiale della Scuola, un insegnante racconta se stesso, la sua relazione con la musica e con la scuola e fa risuonare sul web strumenti spesso sconosciuti ai più.

La programmazione delle dirette ha preso il via Lunedì 13 Aprile con Filippo Fiorini ed il suo Didjeridoo Australiano e continuerà ogni sera fino alle 20:30.

Il pubblico potrà poi ritrovare le registrazioni delle dirette sulla pagina https://www.facebook.com/scuoladimusicapopolare ed il gruppo Facebook della SMP oltre che sul sito ufficiale della Scuola: www.musicapopolare.net